Tel: 02 898 77 525 | e-mail: info@defibrillatoreshop.it

Domande? Chiamate lo 02-89877525 o mandate un'e-mail

Le tre mosse per salvare una vita

La catena della sopravvivenza

Cosa fare con una persona priva di sensi che non respira:

  1. Chiamate il numero di emergenza (112)
    Anche se conoscete bene l'RCP, ci vuole comunque un'ambulanza. Quindi, prima di iniziare la rianimazione, assicuratevi che i soccorsi siano in arrivo.
  2. Iniziate la rianimazione cardiopolmonare
    Fate 30 compressioni toraciche con una profondità di 5-6 cm, seguite da 2 insufflazioni, mentre un'altra persona (se nei paraggi) recupera il defibrillatore più vicino. La frequenza delle compressioni è di circa 100 compressioni al minuto.
  3. Fate la defibrillazione precoce
    Non appena arriva il defibrillatore, collegate gli elettrodi. Il defibrillatore erogherà la scossa se il ritmo della vittima è defibrillabile. Se la persona non ricomincia a respirare, continuate l'RCP finché non arriva il personale del pronto soccorso.
    Anche se la vittima ricomincia a respirare, lasciate attaccate le piastre.

A cosa serve la rianimazione cardiopolmonare se ho il defibrillatore?

Dopo la compressione della cassa toracica, questa si estende di nuovo alla sua normalità, aspirando aria per rigonfiarsi. Quando si preme di nuovo sul torace, la nuova quantità di ossigeno è pompata nel cervello. Il cervello riceve così un continuo flusso di sangue ossigenato e il rischio di danni cerebrali diminuisce.